Telefono

089 231439 - 089 2583450

Email

farmacia.delleone@virgilio.it

Apertura

Lunedì al sabato: 9,00/13,00 - 17,00/21,00

Come rinforzare le difese immunitarie per l’inverno!

La vitamina C è un prezioso alleato: dove possiamo trovarla?
Quali sono i sintomi delle difese immunitarie basse?
Perché si hanno le difese immunitarie basse?
Cosa si può dare ai bambini per rinforzare le difese immunitarie?
Vitamina C: la migliore amica del sistema immunitario

 

In vista dell’inverno e con l’influenza alle porte dobbiamo fare tutto ciò che è in nostro potere per contrastare virus e batteri che vorrebbero eludere le nostre difese. Una sostanza particolarmente importante e utile in vista dell’inverno è la vitamina C. La vitamina C è essenziale, oltre che per modulare l’attività dei globuli bianchi in caso di infezioni e per ottimizzare la reattività generale delle cellule immunitarie (i nostri difensori), anche in altre svariate funzioni organiche:

Facilita l’assorbimento intestinale del ferro e contribuisce alla formazione dei globuli rossi

Migliora il tono dell’umore se si è stanchi o nervosi

Svolge un’azione antiossidante

E’ un vero e proprio antinfiammatorio naturale, utile per contrastare efficacemente il virus dell’influenza, sia in termini di prevenzione sia per rendere più rapida la guarigione.

 La vitamina C è un prezioso alleato: dove possiamo trovarla?

Nelle verdure come il tarassaco, l’ortica, i ravanelli, i broccoli, gli spinaci, le bietole sono degli ottimi dispensatori di questa sostanza. Ma quando si parla di vitamina C pensiamo subito ad una categoria di frutti che ne sono davvero ricchi: gli agrumi! Arance, limoni, pompelmi, mandarini: un pieno di gusto succoso e colorato. La vitamina C è presente anche in pomodori, fragole, peperoni verdi, ribes nero e papaia, asparagi, fave e cavolini di Bruxelles.

Insomma, la varietà di alimenti è ampia. Oltre ad essere idrosolubile (in grado cioè di sciogliersi nell’acqua) la vitamina C è sensibile alle alte temperature, per cui si perde del tutto in caso di cottura in acqua. È importante quindi consumare gli alimenti che la contengono crudi o poco cotti, utilizzando ad esempio centrifugati ed estratti.

Contro microbi, batteri e virus la vitamina C per le difese immunitarie è proprio uno dei nostri migliori alleati! Grazie a questo prezioso nutriente, possiamo proteggerci in maniera più efficiente dalle aggressioni di diverse malattie, dal più comune raffreddore a patologie più importanti, come quelle tumorali. Tra l’altro, va sottolineato che la maggior parte della vitamina C viene eliminata dal corpo in tre o quattro ore. Ecco perché essa deve essere assunta diverse volte al giorno. Pur essendo un nutriente così potente, la vitamina C è allo stesso tempo anche molto delicata. Può deteriorarsi con l’ammaccatura, il taglio o l’esposizione alla luce, all’aria e al calore degli alimenti. Quindi è preferibile consumare i cibi che la contengono crudi o con una cottura leggera.

Quali sono i sintomi delle difese immunitarie basse?

  • Costante sensazione di stanchezza e debolezza
  • Dolori muscolari
  • Dolori scheletrici
  • Mal di testa ed emicrania
  • Caduta dei capelli
  • Anemia
  • Pelle disidratata
  • Influenza e febbre

Perché si hanno le difese immunitarie basse?

Le 3 principali cause delle difese immunitarie basse sono: l’alimentazione scorretta, lo stress psicofisico e la mancanza di sonno. Ogni organismo vivente ha bisogno di nutrimento per mantenere attive le sue funzioni vitali.

In generale, gli integratori di vitamina C possono essere assunti in qualsiasi momento della giornata: sia a digiuno, che a stomaco pieno. Se la dose è superiore a 500mg, meglio suddividerla in più assunzioni da 250-500mg ciascuno.

Come aumentare le difese immunitarie con il cibo?

Ecco 10 cibi consigliati per aumentare le difese immunitarie:

Frutta fresca: mele, arance, kiwi, banane e frutti di bosco sono una miniera di vitamine, a partire dalla C, antiossidante e preziosa per mantenere alte le difese immunitarie. Frutta secca, cioccolato fondente, legumi, spezie, cereali, pesce, aglio.

Cosa si può dare ai bambini per rinforzare le difese immunitarie?

  • Non forzare i tempi di convalescenza
  • Aprire le finestre
  • Dormire e mangiare bene
  • Lavare spesso le mani
  • Stare all’aria aperta
  • Sì alle vitamine (senza il fai da te)
  • Valutare probiotici o immunostimolanti.

Vitamina C: la migliore amica del sistema immunitario

La vitamina C ha un’azione immunostimolante, antinfiammatoria e antivirale: attiva i globuli bianchi e la produzione dei mediatori chimici che dirigono la risposta immunitaria, alzando di fatto i livelli di protezione del tuo corpo.

Quali sono i nemici della vitamina C?

Gli alimenti ricchi di vitamina C possono subire una rilevante perdita di questo nutriente a seguito di diverse situazioni abituali nella vita casalinga: per fare un esempio, conservare gli ortaggi in frigorifero, a una temperatura di 4°C, causa una notevole perdita di vitamina C, proporzionale al tempo di conservazione.

I fagiolini freschi perdono un terzo di vitamina C già dopo il primo giorno, mentre negli spinaci freschi, conservati per 7 giorni a 4°C, ne rimane solo il 20% della quantità totale.

La vitamina C è una sostanza termolabile: questo significa che il suo contenuto nei cibi diminuisce o svanisce completamente quando cotta, a temperature anche basse.

Quanto più freschi e meno cotti saranno gli alimenti, tanto maggiore sarà la quantità di vitamina C contenuta in ciò che portiamo a tavola. È per questo motivo che frutta e verdura – tra gli alimenti più ricchi di vitamina C – dovrebbero sempre essere consumati crudi, così da avere piena disponibilità di questo prezioso nutriente.

Ad esempio, il peperone rosso, quando mangiato crudo assicura 166 mg di vitamina C, mentre se lo cuociamo la quantità di vitamina C scende a 116 mg. Se tagliamo l‘insalata prima di lavarla o se la lasciamo a lungo nell’acqua del lavaggio, buona parte della vitamina C si perderà nell’acqua. Anche cuocendo le verdure in troppa acqua o troppo a lungo si rischia di avere lo stesso risultato, motivo per cui è preferibile scegliere di cuocere gli ortaggi al vapore, a pressione o al microonde.

Se desideri approfondire leggi anche La vitamina C alleata per le difese immunitarie

Condividi

Articoli correlati