fbpx
Telefono

089 231439

Email

info@farmaciadelleonesalerno.it

Apertura

Lunedì al sabato: 9,00/13,00 - 17,00/21,00

Quale integratore bisogna usare?

Quanti di noi fanno uso degli integratori quotidianamente anche senza alcuna prescrizione medica?

Gli integratori alimentari sono definiti dalla normativa di settore, direttiva_2002_46, attuata con il decreto legislativo 21 maggio 2004, n. 169, come:

Prodotti alimentari destinati ad integrare la comune dieta e che costituiscono una fonte concentrata di sostanze nutritive, quali le vitamine e i minerali, o di altre sostanze aventi un effetto nutritivo o fisiologico, in particolare, ma non in via esclusiva, aminoacidi, acidi grassi essenziali, fibre ed estratti di origine vegetale, sia monocomposti che pluricomposti, in forme predosate“.

Gli integratori alimentari sono venduti in capsule, compresse, polveri in bustine, flaconcini e contribuiscono, in base alla loro composizione, a migliorare lo stato di salute e a favorire il regolare funzionamento dell’organismo.

Gli integratori alimentari sono prodotti alimentari e come tali:

  • non hanno proprietà terapeutiche, né capacità di prevenzione e cura di malattie (etichettatura, presentazione e pubblicità) 
  • sono soggetti alle norme in materia di sicurezza alimentare

La sicurezza dei prodotti e la corretta informazione ai consumatori, l’immissione in commercio di un integratore alimentare deve essere preceduta dalla comunicazione al Ministero della Salute, che ne valuta la conformità alla normativa. Gli integratori alimentari che superano la procedura sono inclusi in un Registro con uno specifico codice che può essere riportato in etichetta. È possibile consultare il Registro degli integratori notificati direttamente dal portale web del Ministero della Salute: la ricerca può essere eseguita indicando il nome del prodotto o il nome della ditta produttrice.
Sul Portale del Ministero della Salute è possibile consultare anche l’elenco degli stabilimenti autorizzati alla produzione e/o al confezionamento degli integratori alimentari.

Il Ministero della Salute ha emanato le Linee guida ministeriali (LGM) che contengono disposizioni applicabili alle categorie di integratori alimentari:

  • integratori di vitamine e/o sali minerali, per i quali sono riportati i livelli massimi di apporto consentiti
  • integratori con probiotici, prebiotici e simbiotici, per i quali sono riportate specifiche disposizioni relative al loro impiego per equilibrare la flora intestinale
  • coadiuvanti di diete ipocaloriche per la riduzione del peso corporeo, per i quali sono indicati i criteri relativi ad una corretta etichettatura e pubblicità
  • integratori con altre sostanze ad effetto nutritivo o fisiologico, includono nutrienti, diversi da vitamine e minerali, ammessi all’impiego negli integratori alimentari. 
  • integratori a base di sostanze e preparati vegetali “botanicals”, disciplinati dal decreto legge 27 maggio 2014 

Come usarli in modo corretto?

Gli integratori alimentari sono formulati per essere utilizzati in alcune particolari situazioni come, ad esempio, la mancanza di una sostanza nutritiva o un suo aumentato fabbisogno per l’organismo, per favorire la salute e il benessere.

L’impiego di tali prodotti richiede la conoscenza del loro funzionamento e delle loro proprietà:

  • non sono sostituti di una dieta varia ed equilibrata, né di uno stile di vita sano
  • deve essere consultato preventivamente il medico se:
    • non si è in buona salute o si è in cura con dei farmaci perché potrebbero comparire degli effetti indesiderati e delle interazioni tra le diverse sostanze
    • si pensa di utilizzare più integratori insieme
  • l’impiego è destinato a fasce di popolazione vulnerabili come i bambini e le donne durante la gravidanza e l’allattamento
  • non bisogna prendere integratori per periodi prolungati né in dosi superiori a quelle consigliate in etichetta
  • in caso di effetti indesiderati, o inattesi, bisogna sospendere l’assunzione e informare il medico o il farmacista che potranno segnalare l’evento al sistema di fitosorveglianza. 
  • diffidare degli integratori reperibili al di fuori dei comuni canali commerciali come, ad esempio, internet
Condividi

Articoli correlati

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.